Vai al contenuto

#096 8 spunti da “La sottile arte di fare quello che c** ti pare”

8 spunti da la sottile arte di fare quello che c***o ti pare

„Un giorno morirai. So che è evidente, ma volevo solo ricordartelo. Tu e tutti quelli che conosci moriranno presto. Nel poco tempo che ci separa da quel momento, hai un numero limitato di energie da investire. Poche in effetti. E se continui a dare importanza a tutto e tutti senza una scelta cosciente, beh, allora sei fottuto.“

Ciao Rockstar dell’italiano queste parole dirette e magari dure non erano parole mie, ma una citazione tratta da „La sottile arte di fare quello che c** ti pare di Mark Manson.

Si tratta di un bestseller planetario. L’opera in originale si intitola „The subtle art of not giving a f**“. Piccola nota tra parentesi, io avrei tradotto il titolo in italiano in „La sottile arte di fregarsene“, ma vabbè. Ultimamente l’ho acquistato come audiolibro e l’ho ascoltato. Visto che l’autore ha un approccio totalmente 

opposto riguardo alla crescita personale,      rispetto a quello della maggioranza che è più propenso alla psicologia positiva. E quando qualcuno o qualcosa è „diverso“ e non segue la massa, beh, io non resisto.

In questo episodio voglio condividere con te qualche spunto che reputo interessante e che potrebbe farti riflettere e vedere la vita da un altro lato. Ti lascio il link alla versione italiana del libro nella descrizione dell’episodio.

Una premessa: Il libro o audiolibro è, come puoi intuire dal titolo, pieno di parolacce e ti parla direttamente senza inutili giri di parole. Ora che ti ho avvisato, possiamo iniziare.

1 Ci sbagliamo quasi su tutto 

Invece di puntare alla certezza, dovremmo essere costantemente alla ricerca del dubbio: dubbio sulle nostre convinzioni, dubbio sui nostri sentimenti. Invece di cercare di avere sempre ragione, dovremmo concentrarci su come ci sbagliamo di continuo.

Perché la certezza ostacola la crescita.

2 Fregatene del successo

Fallire significa imparare e crescere.

Se pensi a un bambino che prova a camminare, quel bambino cadrà di continuo e si farà male centinaia di volte. Ma secondo te quel bambino si fermerà mai a pensare? „oh, penso che camminare non faccia per me, non sono bravo a farlo.“

Scarica la trascrizione completa in PDF qui


Se apprezzi il podcast e vuoi supportarlo, puoi farlo con una donazione libera o diventando membro attivo (ricevendo dei materiali e servizi extra):


14 giorni, 7 film, 14 conversazioni per migliorare la tua comprensione dell’italiano parlato

14 day challenge vol. 2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.